Ad oggi, malgrado le numerose riforme apportate alle norme di diritto di famiglia e più in particolare a quelle che disciplinano la responsabilità genitoriale a seguito di sperazione dei coniugi o dei conviventi, nel nostro Ordinamento Giuridico ancora non si trova una definizione e una regolamentazione di quelle che devono considerarsi come spese straordinarie di mantenimento dei figli (minorenni e maggiorenni non economicamente autonomi).

 

Tale regolamentazione è quindi rimessa alle parti nella separazione consensuale e al giudice nella separazione giudiziale (litigiosa), oltre che in sede di omologa della separazione consensuale, dato che al magistrato spetta sempre di verificare se le condizioni concordate dai coniugi in ordine all'affidamento e al mantenimento dei figli rispettino il loro superiore interesse.

Purtroppo però, spesso, la esplicita distinzione tra ciò che rientra nel contributo ordinario e ciò che va considerato extra viene omessa o data in modo sommario, tanto negli accordi tra le parti, quanto nelle decisioni dei tribunali.

Questa mancanza, altrettanto spesso, nel tempo che segue la separazione, ingenera tra gli ex compagni problemi e contrasti che richiedono un nuovo intervento degli avvocati, se non (nelle situazioni più conflittuali) quello del giudice, con il conseguente accendersi o intensificarsi dell'animosità e l'esborso di altre spese legali (di cui i coniugi separati non hanno affatto bisogno, stante il ben noto e per qualcuno drammatico impoverimento che una famiglia media subisce dopo la separazione, con il duplicarsi delle spese che un tempo erano condivise).

E' perciò di estrema importanza formalizzare nel modo più accurato possibile un elenco e una disciplina delle spese di mantenimento, tanto nel ricorso congiunto per separazione consensuale (o nell'accordo/ricorso per la disciplina dell'affidamento di figli di genitori non sposati), quanto negli atti di parte nel caso (ahimè) di separazione giudiziale, così da stimolare il giudice a dare tale precisa disciplina con la sentenza che emetterà.

Per orientarsi in questo compito, posto che in Giurisprudenza si trovano precedenti piuttosto eterogenei tra un Foro e l'altro - ma anche all'interno dello stesso Foro tra un magistrato e l'altro - ritengo sia utile prendere come riferimento i più apprezzati e recenti protocolli di intesa stilati da alcuni virtruosi Tribunali italiani, in collaborazione con i relativi Consigli degli Ordini forensi e, in certi casi, con le Associazioni più rappresentative in materia di famiglia e minori.

A tal fine ho allegato al presente articolo una tabella di confronto di questi protocolli e una seconda tabella dove li ho riassunti e integrati fra loro, risolvendo i punti in contrasto secondo criteri logici, di logica-giuridica e tenendo conto di altri protocolli (quali ad esempio Firenze e Imperia).

Tra l'altro, ho eliminato dalle spese extrascolastiche quelle relative alla cura degli animali domestici, sia perché mi sembra fuori luogo considerarle come spese di mantenimento dei figli - essendo, invece, appunto per gli animali - sia perché ritengo che i nostri amici a quattro zampe meritino una considerazione a sè stante, che tratti, non solo del loro mantenimento, ma anche del loro affidamento.

La tabella non vuole avere pretese di esaustività, ma di strumento orientativo, restando sempre facoltà delle parti concordare una disciplina diversa in base alle peculiarità del singolo caso.

Ciò che, lo ribadisco, ritengo di estrema importanza è che, qualsasi disciplina si voglia adottare per le spese di mantenimento, sia definita con la maggior precisione possibile, così che non sorgano dubbi e litigi in merito nel corso del tempo e che la separazione possa essere vissuta con più serenità, almeno sotto questo profilo.

Avv. Silvia Cappelli

 

 

Mailing List

Iscriviti alla nostra Newsletter inserendo il tuo indirizzo email nel box sottostante

Uffici

Voghera (PV)

Via G. Plana 97
Telefono:  0383.361540
Email: sc@studiolegalesilviacappelli.it

Sondrio (SO)

Via Pio Rajna 1
Telefono:  0383.361540
Email: sc@studiolegalesilviacappelli.it

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per informazioni sull'utilizzo dei cookies e sapere come gestirli clicca qui..

Non visualizzare più il banner informativo.